Scritto da Tommaso Mazzuca

Benvenuti su Rebel Players, oggi come primo gioco parleremo di FIFA 20, un videogioco creato dalla Electronic Arts Sports (EA), messo in piattaforma lo scorso settembre e utilizzabile con la PlayStation 4, il Nintendo Switch, Il PC e l’Xbox one.
Il FIFA tradizionale dell’11v11 è stato modificando perché introdotta la funzionalità del Volta Football (non adatta al Nintendo Switch), che offre l’opportunità del gioco 3v3, 4v4, 5v5 concentrando l’attenzione non più sul gioco tattico di squadra, ma sulle capacità del singolo giocatore che, tra l’altro, può essere personalizzabile per età (i giocatori più giovani ovviamente viaggiano di più ma solo nella modalità carriera), indumenti o addirittura scegliendone il tatuaggio come segno di riconoscimento.
È stato uno dei videogiochi più venduti in Italia e ha riscosso questo successo anche grazie alle modifiche del “gameplay” richieste dalla maggior parte dei giocatori.
Il gioco ha molte modalità di esecuzione, ma le principali sono 3:

  • modalità carriera: cioè assumete le sembianze di un allenatore/giocatore già esistente oppure creato da voi, scegliete una squadra e rispettate gli obiettivi dati;
  • modalità calcio d’inizio: cioè scegliete due squadre e sfidate i vostri amici da una sola piattaforma o dal computer;
  • modalità ultimate team: dopo il tutorial, dovrete comprare i giocatori con i crediti ottenibili dalle partite, dalle vendite o dalle sfide per poter creare una squadra e competere con gli avversari (il gioco può avvenire sia online che al computer).

È un gioco adatto a tutte le età, ma vi dò una dritta: in tutte le modalità, i tiri a giro cioè di precisione, vanno sempre a segno e alcuni giocatori, i così detti buggati, sono più forti del normale poiché sfruttano i bug del gioco.
E ora non mi resta che andare a sfidare i miei avversari. E voi cosa aspettate?