Scritto da Federica L. Mattei È un dato difficilmente discutibile che, per diverse ragioni, la maggior parte del pubblico televisivo sia costituito da bambini. Certamente una di queste è rappresentata da quell’effetto di babysitteraggio proprio di certe organizzazioni familiari; una baby sitter economica, accessibile in qualsiasi momento e con una varianza di canali in un numero imbarazzante. Tuttavia, l’età di esordio come fruitore, l’intensità e la frequenza nell’utilizzo dell’apparecchio fanno la differenza sull’influenza che la tv esercita sul loro mondo…