Scritto da Maddi Magnolia

Quest’anno voglio andare in vacanza. Sono anni che lo dico, che rimando.
Ogni volta che decido di programmare un viaggio importante, accade sempre qualcosa che scombina i miei piani.
Cinque anni fa c’era da cambiare la caldaia: senz’acqua calda non si può stare. Addio vacanza. L’altro anno s’era rotta l’auto e ho dovuto chiedere un prestito in banca: a piedi non posso andare a lavorare. Addio vacanza.
L’anno scorso i miei sono stati poco bene: avevano bisogno di aiuto. Addio vacanza.
Non voglio, però, accontentarmi della solita spiaggia con gli ombrelloni. E neppure della SPA seppur male non mi farebbe, vista la ritenzione idrica che ho accumulato in questi mesi.
Voglio un viaggio esagerato.
E qual è il posto che ha praticamente tutto, dal mare alla vegetazione mediterranea a quella più stepposa, e poi ghiacciai e deserto, dove si può osservare tutte le diversità della natura? Bisogna andare in uno dei Sud del mondo, in uno di quei Sud dove non torni più uguale a com’eri andato: il Cile. Questa striscia di terra, tra l’Oceano Pacifico e la cordigliera delle Ande, contiene meraviglie. E io quest’anno ho proprio voglia di fare una scorpacciata di bellezza.
Ho già scelto dove andrò: a Huilo Huilo, una delle riserve naturali più belle del Cile, nella Patagonia settentrionale, estesa su trentaquattro milioni e cinquecento mila ettari di foresta.
So anche dove alloggerò: un albergo a quattro stelle. Badate bene: non è un hotel qualunque, perché si chiama Montaña Mágica Lodge ed è una struttura a forma di montagna, integralmente ricoperta dalla vegetazione, progettata per simboleggiare energia e vita, in armonia con il paesaggio circostante. Ciò che si vede dall’esterno è una sorta di collina verdeggiante da cui però spuntano piccole finestre, quelle delle camere, che sembrano appartenere a gnomi. Vi si accede tramite un ponte sospeso in legno, circondato da migliaia di ettari di foresta. L’hotel dispone di camere standard e suite, caratterizzate da caldi arredi lignei e dall’aspetto elegante ed accogliente. Il tutto è impreziosito da riproduzioni di incisioni rupestri. La porta di ciascuna camera porta il nome di un uccello locale diverso.

Credo che opterò per una suite. Aprendo la finestra, potrò ammirare la bellezza della foresta tropicale. Potrò usufruire di un’ampia scelta di escursioni che mi faranno scoprire panorami che mi toglieranno il respiro, ammesso di averne ancora dopo essermi persa in mezzo a tanta meraviglia.
Forse più di una montagna ricorda un piccolo vulcano, grazie ad una cascata artificiale che, dalla cima, avvolge e inonda i suoi lati, ma gli interni sono davvero come una baita. Interamente costruito a mano nei minimi dettagli dagli artigiani delle comunità circostanti, il Montaña Mágica Lodge è un posto dove si respira un’atmosfera fiabesca. E io voglio vivere come in un sogno, dopo aver aspettato tanto tempo.
Meglio di questo non avrei potuto trovare. L’avevo detto a gennaio: cascasse il mondo io quest’anno vado in vacanza.
Beh, come non detto, lasciamo stare...