Recensione a cura di Federica Belleri Massimo Carlotto scrive da venticinque anni. I suoi personaggi sono molto conosciuti e seguiti, in particolare dai suoi lettori più fedeli. In questa antologia però troviamo racconti inediti o già pubblicati, ad esempio su quotidiani, che ci portano a conoscere alcuni aspetti della realtà italiana, senza seguire un particolare filo conduttore. L’autore ci parla della mafia, dei killer prezzolati, della dura legge del carcere e di come funziona la mente di un criminale. Affronta…