Scritta da Tiziana Tafani

Il nomade è stanco, ormai non parla neanche con me .

Che mi nega la pace

Una sigaretta spenta
Nel silenzio ostile
Di un luogo nemico
Sono ancora sola
A contare le tessere
Degli errori
Che continuo a commettere
Indirizzata da un mantra
Oscuro che mi nega la pace,
E a niente mi è servito
Lo sguardo di ghiaccio azzurro
Con cui mi hai guardato
Per il tempo esatto
Di dimenticarti di me.