Scritto da Tiziana Tafani Lo spaesamento nella pandemia  Ero ancora in ospedale quando il panico collettivo esplose e come topi fuggiaschi ci rintanammo dentro le nostre tane attenti a che un solo spiffero di aria valicasse la protezione che avevamo messo tra noi e il resto del mondo.  Noi. Una donna malata, una persona anziana, due adolescenti. Con esigenze diverse e, a quanto sentivamo dire dai professori e dagli esperti, ognuno di noi portatore di istanze inconciliabili fra di loro che avrebbero consegnato i nostri…