Recensione a cura di Federica Belleri Questa è la storia di V Delirio, ventisette anni, figlio di papà sotto ogni aspetto. Irresponsabile, immaturo, goffo, egoista e moderatamente asociale. Per lui è sempre tutto comodo,  pronto e agiato. Comprese le donnine, il denaro, i fiumi di alcol e la droga. Non ha un lavoro, non ha orari da rispettare e fa impazzire tutti. Governante compresa, che lo ha cresciuto come un figlio in mancanza della madre. Le è riconoscente? No. Porta…