Scritto da Tiziana Tafani Non avevo scelta. Era stato il primo ad inchiodarmi all’estate e dissipare l’adolescenza nel doloroso garbuglio che ancora mi accompagna. Altri forse più forti, ma Cent’anni di solitudine il primo. E Josè Arcadio e Aureliano Buendia stavano mimando quello che di li a poco la storia della mia vita mi avrebbe presentato. Abitavo a Macondo, allora, e subivo le piatte conseguenze di un verde che mi angustiava perché ero figlia di Josè Arcadio, ma avevo lo…