Scritto da Tiziana Tafani

Mi guardavi dissipare i movimenti,
incurante tessevi altri rimorsi,
tramutato il mio silenzio in rabbia,
eccomi donna che il proprio spirito ripone
dentro uno spazio eterno, di catrame.