Scritto da Marika Mattei

Occhiali tondi, cicatrice sulla fronte e bacchetta magica.
Che siate o meno degli appassionati, bastano questi pochi indizi per intuire immediatamente a chi ci stiamo riferendo: Harry Potter.
Le avventure del “maghetto più famoso di sempre” nascono dalla penna di J. K. Rowling all’inizio degli anni novanta, diventando una delle saghe, prima letterarie poi cinematografiche, più seguite e amate da adulti e bambini.
La narrazione inizia con un bambino di circa un anno che, dopo essere sopravvissuto all’aggressione da parte di Lord Voldemort, il mago oscuro più potente di tutti i tempi, viene lasciato in una culla davanti alla porta di casa della famiglia Dursley, i suoi parenti Babbani (non maghi) più prossimi, presso il civico 4 di Privet Drive. Si tratta proprio del piccolo Harry che, in quella terribile notte, era rimasto orfano dei suoi genitori, entrambi maghi.
Ignaro del suo passato e dei suoi poteri, cresce nell’incuria e sottoposto alle angherie dei suoi zii e di suo cugino Dudley, un bambino viziato e prepotente. Ma all’età di 11 anni la sua vita prenderà una piega tanto inaspettata quanto incredibile: scoprirà di essere un mago e di essere stato ammesso alla prestigiosa Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts.
Da lì in poi la sua intera esistenza cambierà scoprendo il vero significato dell’amicizia, dell’affetto e della famiglia. Vivrà diversi momenti difficili e avventure pericolose che lo metteranno alla prova in diverse occasioni, ma sempre circondato dalla premura e dal sostegno dei suoi più cari amici Ron ed Hermione e dei diversi personaggi che si affacceranno nella vita del giovane Harry. Coraggio, integrità e altruismo sono tra le caratteristiche di questo maghetto che, senza sottrarsi al suo destino, riuscirà a salvare il mondo magico e quello umano, a seguito del ritorno del Signore Oscuro.
Ci sono molti luoghi che, in diverso modo, sono legati alla storia di Harry Potter e rappresentano una meta irrinunciabile per i più fedeli alla saga. Infatti, mentre alcune località sono significative perché fonte di ispirazione per l’autrice, altre sono conosciute ai più perché sede delle ambientazioni dei film.
Contrariamente a quanto creduto per molto tempo, la Rowling ha affermato di aver avuto la sua prima ispirazione su un treno Manchester-Londra, partito proprio dalla nota stazione di King Cross di Londra che, nel mondo magico, permette di raggiungere la scuola di magia. Infatti, recandosi al Binario 9 ¾ e oltrepassando il muro, è possibile prendere posto sull’Hogwarts Express, direzione Hogwarts. Nonostante il mondo magico non sia accessibile ai comuni Babbani, è comunque possibile prenotare un biglietto del Jacobite Express e ripercorrere parte del viaggio sopra il viadotto Glenfinnan, reso celebre dai film, e godersi lo spettacolo degli affascinanti paesaggi scozzesi.
In particolare, immancabile è il tour per la città di Edimburgo, sede di luoghi significativi tra cui la famosa caffetteria Elephant Hous, al cui interno è appesa una targa con su scritto “The Birtplace of Harry Potter”. Infatti, qui possiamo immaginare la Rowling seduta ai tavoli magari sorseggiando una bevanda, immersa nella sua creatività a scrivere parte dei sette libri che compongono la saga. È noto come i posti circostanti alla caffetteria abbiano suggerito intuizioni fortunate circa i nomi dei personaggi, le ambientazione della storia e l’organizzazione della scuola di magia, come ad esempio il castello di Edimburgo, il cimitero di Greyfriars Kirkyard e la George Heriot School. Inoltre, accanto al castello di Edimburgo è possibile visitare il Grassmarket e la Victoria Street, rispettivamente ispirazione per il Paiolo Magico e Diagon Alley.
Per mantenere l’atmosfera magica e surreale della giornata, è consigliabile alloggiare presso l’appartamento Canongate Luxury Homestay a Edimburgo. Due stanze a tema ci riportano nel dormitorio dei Grifondoro e sul vagone del treno a vapore Hogwarts Express.
Spostandosi verso Londra è irrinunciabile visitare gli Warner Studios. Qui sono ancora presenti le scenografie utilizzate durante le riprese e che, a dieci anni dall’uscita dell’ultimo film, rappresentano una tappa imperdibile per i più appassionati.
È possibile passeggiare per le strade di Diagon Alley e fantasticare di cenare seduti al tavolo della Sala Grande di Hogwarts. Invece, per quanto riguarda le altre location e le riprese esterne della scuola, queste sono state effettuate presso il castello di Alnwick in Inghilterra, costruito da Yves de Vescy, barone di Alnwick, nel 1906. Inoltre, all’interno degli Studios è stato riprodotto il Binario 9¾, nonostante diverse scene siano state girate nell’effettiva stazione di King's Cross a Londra. Infine, un altro luogo suggestivo e cruciale nella storia è rappresentato dalla Foresta Proibita che, mentre nel primo film "Harry Potter e la Pietra Filosofale" è  un insieme di immagini reali e fittizie, dal secondo film è completamente riprodotta nello studio.
Nel caso vi troviate nella città londinese, è possibile soggiornare presso l’hotel a tema The Georgian House.
Questi sono solo alcuni tra i luoghi più importanti della saga. A noi non resta che progettare il nostro viaggio nel mondo magico e preparare la valigia, con la consapevolezza che una parte di noi continuerà a sognare e desiderare l’arrivo ufficiale della nostra lettera per Hogwarts.