Il sibilo del nomade

Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi

Scritto da Maddi Magnolia Era la risposta che davo sempre a mia madre, quando da ragazza mi chiedeva dove volessi trascorrere le vacanze pasquali. Mentre pronunciavo quella frase, già pregustavo l’organizzazione caotica della giornata con amici e amici di amici, per recuperare i contatti, ritrovare la memoria dei sapori dimenticati, un concerto di profumi e musica che si concludeva con la colomba pasquale. Questo dolce, apparso per la prima volta al tempo dei Longobardi, è legato ad un uomo semplice…

Read More

Carnevale: me e Andrea

Scritto da Tiziana Tafani Era il nostro Carnevale e non avevamo altro che quel gran freddo addosso, te lo ricordi, Andrea, era martedì grasso e senza saperlo io mi ero mascherata da vedova allegra e tu da dandy e mentre mi baciavi attraverso la veletta mi parlavi di questo amore che ti accecava, ed io cercavo di trovare una forma al mio corpo per farlo stare dentro le tue parole. Dio santo Andrea quanti anni sono passati da quel giorno,…

Read More

Il vichingo

Scritto da Tiziana Tafani Aveva preso l’abitudine di girare per mostre da sola. Passava molto del suo tempo libero tra una mostra e l’altra e aveva iniziato a conoscere tanti artisti e a farsi un’idea di quale fosse il dolore che volevano rappresentare attraverso le loro opere. Alcuni li sentiva quasi amici, pur non avendo scambiato mai una parola con nessuno di loro. Girare in mezzo alle opere d’arte aveva una forza di guarigione o comunque costituiva una sutura che…

Read More

Praha

Scritto da Tiziana Tafani Di novembre a Praga non ci va nessuno, ho pensato, poteva essere una buona occasione per liberarmi del frastuono di un amore andato in mille pezzi, e liberarmi dalla noia di dover stare lì a raccogliere i cocci. Che se la fossero sbrigata loro due, quelli che mi avevano servito la bevanda velenosa del loro amore nuovo in cui io ero poco più di una comparsa. Il tempo di liquidarmi, come si fa con un domestico…

Read More

Aurora

Scritto da Tiziana Tafani Aurora era convinta, in fondo a sé stessa, di non provare amore per gli animali. Le erano indifferenti i gatti, odiava il sibilo delle zanzare, era terrorizzata dai volatili e provava orrore per il sudore dei cavalli. Strano, in una come lei, che la natura aveva dotato di grazia, eleganza ed una qual dose di purezza, che la facevano apparire la protagonista ideale di una di quelle belle favole in cui una sognatrice vede il mondo…

Read More

Il nomade

Scritto da Tiziana Tafani L’anno che verrà Questo dolore attaccato alla gola Quotidiana catena nella prigioni del cuore Nessuna immobilità mi soccorre La vita è solo un infernale movimento.

Read More

Fata madrina

Scritto da Tiziana Tafani La perfidia dell’insonnia Fata madrina del mio stare al mondo Notti senza tregua, libri Parole silenzio Poi di giorno nel cemento Del torpore trasognato, nuvole Di cose inutili e mai pensieri raccolti, quelli di cui smarrisco il limite della vita Chissà perché abbia scelto me Forse perché sono alito di tenebra muta Le piace rubarmi la vita tra le gelide mani In cui stringe il sussurro del mio essere fragile.

Read More

KARAMAZOV

Scritto da Tiziana Tafani C’è una foto di me, avrò avuto sedici anni, con una camicia azzurra, i capelli corti in mezzo all’erba, mi innamoravo di Alyosha Karamazov. E sognavo di amarlo e di salvarlo da quel sé stesso che alla fine ero io. Era la stagione dei sogni, delle speranze piene di ardore, di quello che sarei diventata e non è stato, ma io non lo sapevo. C’è una stagione in noi che ha l’infinitudine di una eterna primavera…

Read More

Di essere amato così

Scritto da Tiziana Tafani Stanotte ho sognato mio padre. L’ho sognato giovane, con tutti i suoi capelli neri, la sua larga risata che mi riempiva le ossa e una maglia a v gialla, che aveva e non amava. Lo sogno sempre vestito così, di questo colore che coniugava le nostre perplessità ma che, secondo il suo gusto di bon vivant, era quello che meglio si adattava ad un abbigliamento informale. Lo sogno spesso, da quando non mi capita più di…

Read More

Tempo

Scritto da Tiziana Tafani Tempo cruciale Di anarchiche emozioni Solitario inganno Guardo fuori e vedo Quanto rimane Delle mie speranze Un cartoccio di niente, è già abbastanza.

Read More

Iscriviti alla newsletter

Recent News
Luglio 10, 2021
Aprile 24, 2021
Aprile 24, 2021